Spread the love
Video Music Productions&Promotion

We create unique Video-showcase for musicians, we mainly work with unplugged and/or acoustic. I’m a guitarist specialized in Tapping, former photo-reporter now active in the music business, we distribute on blockchain thanks to #resonate, our musicians coop, if you like to be part of it, just drop  us a line — Sono un ex fotoreporter, ho lavorato a lungo presso le Nazioni Unite di Ginevra, esperto in nuove teconloge e musicista alternativo mi sono dedicato alla musica, produco e distribuisco, musica e video su #blockchain e anche su canali ufficiali, la mia cooperativa è #Resonate , distribuiamo ufficialmente come Vinile MGR

Mario Marco Farinato, fondatore della VinileMGR

Mario Marco Farinato è un chitarrista poliedrico e polistrumentista
(banjo, chitarra, viloncello, diddley-bow, armonica a bocca) parla
quattro lingue, Inglese, Francese, Spagnolo, Italiano, ed ha al suo
attivo innumerevoli singoli e collaborazioni con Artisti di Fama
internazionale e Nazionale sia come produttore musicale che come
video produttore e fotografo.

Mario Marco Farinato, come fotoreporter/giornalista, ha lavorato alle Nazioni Unite per Granatapress ed Emmevi-Photo. Reduce da un reportage in Somalia, dopo un lungo girovagare per gli Stati Uniti d’America approda alle nazioni Unite di Ginevra, dove lavora come inviato speciale per Granatapress ed Emmevi-photo. Dopo diversi reportage di un certo spessore, quali il WSIS e le varie collaborazioni con InfoSud e associazioni di giornalisti, M.M. F. parte per documentare la copertura del ghiacciaio di Andermatt in Svizzera nel 2005, nella spedizione c’è anche Martin Hiller, direttore del progetto di protezione degli Ambienti Alpini, ed è proprio quel reportage ad offrirgli “Onori/Glorie/e/qualche-soldo” Il Corriere della Sera pubblica la foto del Ghiacciaio ricoperto con I teloni bianchi di plastica, e grazie alle sue “doti-da-hacker” El Pigna (nomignolo affibiatogli dalla comunità hacker delle Nazioni Unite) piglia la palla al balzo e ridistribusice in maniera massiccia e a livello mondiale il reportage.

Le fotografie attraggono l’attenzione di diversi Editori e Giornalisti, tra i quali “The Guardian”, Paul Brown e David De Rotschild.
Mario Farinato pubblica due libri sui problemi relativi all’ambiente, la sua carriera prende il volo ed inizia a lavorare per personaggi del mondo della politica internazionale quali Kofi Annan e sua maestà Haakon di Norvegia principe ereditario.
Dopo il reportage “Dignity Day” a Ginevra, Mario inizia ad insegnare al World Ecnomic Forum le tecniche di distribuzione di materiale multi-mediale sul Web, lavora in seguito per la Webster University di Ginevra e durante uno dei suoi lavori alla sede di #Leiden produce con gli studenti il suo primo video documentario “The Mokum” da quel momento M.M.F. inizia ad interessarsi a problemi di carattere sociale e spinto da una passione smodata per la giustizia crea diversi reportage sull’immigrazione e l’integrazione, argomenti che oggi sono davvero scottanti.

Mario Farinato prosegue la sua carriera a testa bassa, vince due Premi di Fotografia proprio sul tema dell’immigrazione ed integrazione, gli viene assegnata un onoreficenza per meriti artistici con la sua foto “Storie e Sguardi” che si aggiudica ben 44 mostre in 50 Città” Europee, Mario Marco Farinato al tempo viveva con Barbara Erskine, editrice del New York Times a Ginevra, fino al tragico 26 Aprile 2010, giorno funesto per Mario Marco Farinato, perde sua figlia Lene Farinato per problemi relativi all’inquinamento.La vita di Mario Farinato è completamente sconvolta, e si trasferisce a Cislago dove ricomincia lentamente a vivere.
Riprende a suonare la chitarra e inizia a fare meditazione, dopo tre anni di lavoro iniziano i primi riconoscimenti, Mario Farinato è attualmente impegnato nella produzione del suo Album che sarà presto disponibile su Resonate.is.

M.M.F. conta alla’ttivo anche la vittoria al 32esimo Festival di San Remo, ha inoltre pubblicato il suo video per l’ultimo singolo dal titolo Bambino Migrante, ha lavorato per la produzione musicale con Alioscia Arioli e per il video con l’associazione Sagarnaga, con sede a Nantes, Francia, inoltre ha appena concluso, proprio con l’associazione Sagarnaga due tour in Francia, sia nella zona di Nantes che a Parigi e ha realizzato il video per la canzone Bambino Migrante, coinvolgendo ben 100 musicisti da 10 diverse nazioni. Inoltre grazie alla manifestazione Tieni Il Palco M.M.F. ha vinto la distribuzione del suo ultimo singolo , XCHÈ, su tutte le piattaforme mondiali con la Advice Music,il video-clip della cqanzone, consiste in un cartone animato fatto con la carta riciclata dai regali e dai pacchi del periodo natalizio, il video è attualmente online al seguente indirizzo web.

https://www.youtube.com/watch?v=_vg5wax8hBU

M.M.F. Pigna lavora attualmente come produttore multimediale su sistemi linux, Mario Marco Farinato infatti lavora come distributore su canali decentralizzati, quali resonate.is (di cui è anche uno dei fondatori) M.M.F. durante il periodo di lavoro presso le Nazioni Unite ha collaborato con diversi gruppi di white Hacker per apprendere le tecniche di distribuzione sul web e ha iniziato a studiare la teconlogia blockchain, infatti nel 2009 aveva già preso contatti e collaborato con il gruppo CypherPunk creando diversi reportage, durante questa sua attività apprende questa nuova tecnologia
(blockchain) fino ad adottarla di sana pianta e partecipa a resonate.is, che è la prima cooperativa per musicisti basata su blockchain, M.M.Farinato oltre ad essere distributore per l’Italia con la sua cooperativa, ha al suo attivo un blog che conta oltre un centinaio di utenti al giorno.

Le collaborazioni con artisti di calibro Internazionale e Nazionale di Mario Marco Farinato come musicista e produttore sono innumerevoli.

A partire da Fangitse (Madagascar) Takaatsu Kinoshita (Giappone) R. Alejandro Garcon (Bolivia), Hervè Monier e gli OMNI (Francia) poi Alioscia Arioli, Gian Franco Lo Schiavo, Roberto Pensato, Martina Nuovo, i Woda Woda, i Neve e tanti altri artisti.
Il suo album è rigorosamente acustico, la sua musica è rigorosamente acustica, in concerto El Pigna usa una chitarra, stomp box ed armonica a bocca, eccetto per un paio di canzoni eseguite su due chitarre contemporaneamente.