Spread the love

Li abbiamo beccati in fragrante, la canzone è storia di per se, scritta da Jack Anselmi, già citato sul nostro blog, si presenta come una murder ballad, ma la storia è piu profonda, Ovviamente Jack non poteva cimentarsi con un argomento semplice, è un artista con mille sfaccettature, non poteva fermarsi ad una storia comune, ha voluto indagare i sentimenti che sono nati da quel “indimenticabile” disastro, la strage di Bologna.

Come dicevo

Come dicevo, Jack ha realizzato una canzone davvero incredibile, il mondo #INDIE italiano è costellato di stelle brillanti, e quindi il mio caro amico Massimo Montecucco, rappresentantente e cantante della band Wodawoda, si è innamorato della canzone, perchè a suo dire, respira un aria piu rock che folk. Anche se di fronte alla versione di Jack si resta già stupiti, ho pensato “deve essere davvero intrigante scoprire l’interpretazione dei Wodwoda” ebbene la loro interpretazione mi lasciato di stucco e senza nessun barbatrucco…. uagliò, bella dalla prima nota all’ultima. Incredibile pensare che una canzone cosi “folk” potesse assumere un’aria cosi maestosamente #rock

Il rock si sente nelle ossa, ti fa vibrare il midollo

I Woda sono nati ribelli, io questa band me la vedo per sempre…. un #INDIE profondo, sentito, completamente autoprodotto, con un Maestro al mixer, che mi ha fatto rabbrividire, ragazzi una maestria di masterizzazione da strizzare l’occhio ai primi deep-purple, bellissimo l’effetto sulle chitarre, una botta di suono,molto belli i bassi, presentissimi e corposi, danno tutta un’altra direzione alla canzone, la voce poi è davvero bella, avvolgente a tratti e sorprendente ad altri, a onda. E come un’onda continua, poi l’appoggio sulla chitarra che parte spaventando i piu fedeli in prima fila… da-brivido-alla-colonna-vertebretalementer.. mi piacerebbe sentirla LIVE, chissà magari si potrebbe organizzare un bel concerto insieme, Jack, Wodawoda ed io El Pigna… minghia che bella serata che sarebbe… quasi per ricordare che la musica esiste come forma di ribellione e non di adesione tacita al mercato.

la musica, l’anima degli Dei

E non esistono Dei “tranquilli” “scusate la battuta” sono tutti ribelli. Buon ascolto con tutte e due le versioni, la prima di Jack Anselmi, in video, la seconda dei Woda-Woda su #Soundcloud dove potete trovare l’intero album dei Wodawoda che include ovviamente anche #10.25 e non è finita… in anteprima su questa paginetta, i primi 30 secondi del nuovo video di Mario Marco Farinato, cioè Il Pigna, da brivido, uno spettacolo dal primo frame all’aultimo, inoltre volevo ricordare che l’arrangiamento e la masterizzazione sono state oggetto del “Venerabile Maestro” >>>>>Daniele Torassa<<< 🙂 batterista e produttore dei WodaWoda… insomma questa band fa faville…….

Buon ascolto