Spread the love

La storia è semplice, non ci sono piu musicisti, la maggior parte dei lavori viene eseguita su computer, vi porto un esempio lampante, prendete questa canzone, esguita da Arlo Guthrie, figlio del famosissimo Woody Guthrie, se voi prendete questa canzone la caricate su Logic X e ripetete la batteria seguendo il BPM iniziale a meno di metà canzone il BPM sballa.

Perchè Sballa??

la maggior parte delle volte le registrazioni in studio si facevano con il metronomo in cuffia, altrimenti si imparava (prima di entrare in studio) la canzone a metronomo,e comunque il metronomo era ed è sempre stato il batterista o il percussionista,siccome l’essere umano non è perfetto il tutto sballa di un pelino qui e uno la, e, la canzone cambia il ritmo. Aquesto punto vi chiederete cosa è meglio, usare il BPM o il metronomo…

La risposta

Sarebbe meglio usare la testa, ovvero, quel difetto nello scorrere del “tempo” diventa un pregio, la canzone assume una forma melodica cosidetta a onda. Cioè sale e scende in maniera quasi caotica, creando però, in quel caos, una meravigliosa e non opprimente armonia, al contrario il BPM, formatta il tutto, avete mai provato a quantizzare una chitarra????

Una volta in studio di registrazione….

…..Stavamo registrando ed il fonico ovviamente stava quantizzando la chitarra, ad un certo punto non riusciva piu a ripetere la melodia che avevo registrato.. questo perchè la melodia registrata aveva delle lacune su alcune battute che rendevano il tutto completamente diverso, il BPM rende le canzoni monotone al punto tale che diventano ipnotiche, ecco perchè la musica contemporanea sta morendo… perchè non c’è piu umanità……

Canzoni cosi non si trovano piu

Volete un esempio lampante di quello che sto dicendo?? Conoscete i Ram-Jam, pubblicarono un LP che li rese famosi a livello mondiale, il video è registrato nel cortile del chitarrista, LIVE, e improvvisamente ti rendi conto mentre ascolti la canzone che se si dovessero ripetere tutti gli stacchi, le variazioni di tempo, i passaggi della chitarra su un computer sarebbe un lavoro impossibile. Questo perchè le lacune dovute alle registrazioni quasi LIVE fatte dai gruppi degli anni 60/70/80 non seguivano il ritmo perfettamente alla lettera, lasciando spazio all’immaginzaione del chitarrista che eseguendo il suo assolo, creava pause, aumentava le battute o alterava la struttura della canzone a proprio piacimento, a parte i Pink-Floyd la maggior parte dei gruppi piu famosi della storia del rock se ne fottevano del BPM… chiaro ragazzi, sentitevi questi video e poi magari nè riparliamo… buon ascolto e Buon Anno

info utleriori su https://redditblog.com/2016/01/07/why-modern-music-sucks-the-loudness-wars/