Spread the love

E si mi sono rotto i coglioni di lavorare per fare ingrassare l’1% di questo mondo di merda che alla fine chiede il conto dei danni solo ed esclusivamente a me (noi-voi-comuni-mortali) dobbiamo fare quello che ci dicono e senza porci domande… ed io mi chiedo il perchè di questo perverso gioco senza senso che va avanti almeno dall’ invenzione della religione.. ma spiegatemi perchè dobbiamo fare quello che dicono loro???

Fuck you i will not do what you tell me.. urlavano i Rage Against the Machine ed era il 1992… diciamo che è da un pò che ve lo cantiamo.. ma voi nisba, al contrario, voi cortesemente li avete votati, aiutati, pagati, adorati ed ora vi chiedete come sia potuto succedere tutto questo.. riflettete sulle vostre cazzate e vi siete risposti 😉

Ora vi spiego in parole povere perchè sono cosi incazzato

Prendiamo ad esempio una delle tante guerre del cazzo che ci sono in giro… la guerra contro i filtri delle sigarette, divieti di fumare in spiaggia, divieto di fumare anche dal buco del culo, tutto sta diventando un divieto ad eccezion fatta per i produttori di materiale inquinante, se esistesse una sola legge che vietasse la produzione di “materiale” che fa male all’uomo, agli animali e all’ambiente….. non ci sarebbe piu lavoro per nessuno, dovrebbero chiudere tutte le ditte, vi rendete conto di quanto siete coglioni????

E basta!!!

E basta con i consumi per mantenere una classe politico/economica in totale fallimento…. ora se la prendono con gli #anarchici….. ma dovrebbero prendersela con chi ha creato questo sistema di merda, non con chi lo combatte, chiarito il flusso magico della libertà?????

Penso che sia ora di smetterla di colpevolizzare i consumatori ed iniziare ad obbligare le ditte produtrici di “merda” ad adottare soluzioni efficaci per salvaguardare il pianeta e non solo le loro tasche, perchè è un pò scocciante passare sempre per stronzi….

Insomma, se non fermano la produzione delle sigarette con i filtri a che cazzo servono i divieti di fumo in spiaggia?? Le sigarette vengono pur sempre prodotte, quindi l’inquinamento continua, sia che fumo in spiaggia, sia che NO!

Spiegatemi a che serve…..

….e quando è troppo è troppo, bisogna pensare con la propria testa, il problema lo hanno creato loro ed è arrivato il momento di smetterla di continuare a creare “problemi” è arrivato il momento, invece, di trovare soluzioni efficaci, non pensate che sia piu appropriato risolvere piuttosto che punire????

Se mettono il divieto di fumare in spiaggia è perchè ci vogliono dare le multe, vogliono fare cassetto e usano la scusa dell’ambiente per farsi ancora soldi sulle nostre spalle e noi li applaudiamo pure, cosi nel prossimo futuro rischiamo di essere obbligati per legge a consumare e se sporchiamo la colpa sarà nostra.. non di chi sporca producendo milioni di tonnellate di spazzatura ogni giorno, ma di chi consuma la loro spazzatura, vi sembra una cosa sensata?

Le producono uguale un divieto non cambia lo schifo

Se la #wolkswagen o #audi o #fiat vende le macchine toccherebbe a loro ribilanciare il CO2 nell’aria non a chi usa le macchine vietandogli di entrare in centro, non si può pretendere di basare un intera economia sui consumi e dare sempre la colpa di tutto ai consumatori, e che cazzo!!!! Penso che sia ora di smetterla di colpevolizzare NOI COMUNI MORTALI ed iniziare ad obbligare le ditte produtrici di “merda” ad adottare soluzioni efficaci per salvare quello che ci resta di questo pianeta che è diventato un’ enorme discarica maleodorante, insomma se non vietano la produzione di sigarette con i filtri non biodegradabili a che cazzo serve il divieto di fumo in spiaggia??

Non si può pretendere di basare un intera economia sui consumi e dare sempre la colpa di tutto ai consumatori, e che cazzo!!!! Le avete create le vostre cazzate, avete rotto il pianeta e adesso i cocci sono vostri o lo rimettete a posto o andate all’inferno,

La protesta

Non cè bisogno di scendere in piazza a fare un’altra guerra, basta cambiare abitudini, le rivoluzioni sono semi, si mettono nel terreno e si aspetta pazientemente che crescano e si diffondano nell’ambiente, tutte queste boiate fatte dai social-marketing sono castelli di sabbia, vedi #Salvini , alla prima onda si sciolgono inquinando il nostro mare….. la mia rivoluzione è semplicissima, sono passato alle sigarette rollate, uso cartine di canapa, filtrini arrotolabili di cartone “in canapa biodegradabili” e sono contento, spendo meno non ingrasso i porci e non inquino come loro, io al pianeta ci tengo davvero non mi nascondo dietro ad un cazzo di divieto!

La responsabilità è tutta nostra!

Rage against the machine Killing in the name che tra l’ altro è stata creata e scritta in maniera molto singolare….. ecco a voi l’urlo di libertà, abbracciatelo… siate liberi per davvero, non per finta… 🙂 buon ascolto