Spread the love

 

 

Iniziamo con il dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla quantità di buona musica che l’ Italia ha, al suo attivo, nel settore delle produzioni indipendenti, e parliamo di #INDIE puro. La varietà e la professionalità degli artisti che si sono susseguiti sul prestigioso palco dell’Ariston era incredibile e piu che eccellente, io mi sono piazzato “modestamente” in finale con la mia chitarrina e la mia voce, ed è stata una grande soddisfazione, inaspettata, ma i giudici avevano le palle, giusto per nominarne uno Matt Backer degli #ABC che tra l’altro ha presentato il suo ultimo lavoro “ECCEZZIONALE” quasi mi ricordava Steely Dan, quando a fine serata mi ha detto che gli piaceva un sacco come suonavo la chitarra.. potete immaginare la mia reazione, volevo avere un orgasmo immediato ma sarebbe stato scortese nei confronti dei Fans che cercavano di farsi i #selfie con lui… ovviamente io skippo, quando c’è troppa carne al fuoco, da bravo Chef guardo con attenzione che il “fuoco” non muoia piuttosto che preoccuparmi di aggiungere anche la mia fettina di carne!!!

Che dire, sono un nostalgico della buona educazione, magari con tutto questo vociare sui social marketing abbiamo perso di vista le “buone maniere” ma io preferisco restare un gentleman piuttosto che “conformarmi”.

Il gruppo che piu mi ha suscitato emozione tra tutti i partecipanti sono stati ovviamente gli Statale 107 Bis…. al di là del fatto che mi ricordavano la canzone di Francesco Guccini “Statale 17” e gli ho suggerito di fare una “loro versione” di quella canzone, che secondo me è stato il non plus ultra dell’attività discografica del grande Franceso…. ma c’è anche, nel loro #sound, una vena ironica a volte cinica… eppure soffice come le palpebre al mattino…. splendidi, il cantante ti sciocca per la sua vasta cultura e per la sua bravura al Sax Tenore, ma credetemi ogni singolo componente di questa band è semplicemente geniale, percussionista incluso che ha al suo attivo una grandissima esperienza orchestrale e musicale.. insomma siete bravi ragazzi non fermatevi mai.. perchè siete geniali…

 

La mia speranza è di avere la possibilità di creare una canzone o anche due o tre con loro, in programma c’è un bel viaggio a Crotone per settembre, dove insieme ci cimenteremo nella costruzione e cesellamento di un bel paio di pezzi INDIE e Alternative o “progressive” rock…. come meglio preferite gestire le vostre “categorie” io dal mio canto non incasello mai, sono sempre stato fuori dagli schemi e continuo imperterrito su questo arduo e impervio sentiero, che include, onestà, sincerità, rispetto, tollleranza e come dicevo prima….. buona educazione, signori si nasce e loro sono dei gran Signori… hanno l’eleganza dei gatti nell’esbirsi…

Andiamo avanti, la serata ha avuto il suo culmine con svariati gruppi che si dimenavano in maniera quasi “anti-costituzionale” sul palco, molti hanno purtroppo presentato le loro canzoni in Inglese, ed è vero che forse Shakespeare fosse Italiano… ma ragazzi….. un pò di sano rock in Italiano è meglio dell’inglese, per farvi capire, uno dei gruppi che cantava in Inglese è stato praticamente massacrato da Matt Backer che nella sua “Americana” ingenuità ha detto: “Ma Cantavano in Inglese?? Non mi sono reso conto.. ma davvero era inglese?? Insomma…, è vero che l’inglese è molto piu musicale della lingua italiana, ma l’ITALIANO offre delle possibilità moooooolto piu vaste, negli accenti, nelle sottigliezze da palcoscenico , poi chi ca**o lo capisce il “nostro inglese maccheronico” se perfino Matt Backer non ci ha capito un cippa fritta immaginatevi un Italiano.. l’italian/english/singer seppur bocconiano resta spiazzato, giusto.. cantiamo in Italiano, e se volete conquistare il mercato internazionale potete farlo anche nella vostra lingua madre, guardate Eros Ramazzotti, che nonostante la sua pacchianeria da borgataro incallito e la sua pessima educazione se la sbatte sul palco con artisti di calibro internazionale, chiarito!! Lo so che mi odierete per quello che ho scritto, ma in un mondo di bugie un pò di verità non guasta mai.

Che dire, San Remo Rock, piu che un #festival della musica è una vera e propria #fiera del #rock , personaggi di calibro internazionale, giudici qualificatissimi e soprattutto appasionati di musica, gli piace ascoltare e lo hanno fatto per circa 12 opre al giorno con poche pause… li definirei gli #stakanovisti del giudizio.. grandiosi.. davvero grandiosi, ogni cosa alla fine era perfettamente bilanciata, con un organizzazione eccellente anche se di primo acchito non sembrava…. credetemi è un’esperienza da provare…

Ora vi lascio un paio di link, cosi vi ascoltate un pò di buona musica qui su Vinile MGR…. buon ascolto con

Matt Backer Mario Marco Farinato e gli Statale 107 bis…. a presto per altri aggiornamenti foto e dettagli sul festival e non solo.. parleremo della casa di produzioni musicali “Produzioni Musicali Aly” che produrrà una mia canzone, dei Bang_cock che il nome già da se la dice lunga, dei XGiove, gruppo fantastico della marche.. e tantissime altre novitù, inclusa la performance di GianFranco Lo Schiavo che sta lavorando al suo ultimo singolo….

https://www.youtube.com/watch?v=ECF4q22lI30
Matt Backer Histrionic Blues